Web Content Viewer (JSR 286) 15min

Azioni
Caricamento...

Rifiuti, Lombardia ai primi posti per la differenziata

Dal Rapporto Rifiuti Urbani 2017 dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra), che riporta i dati del 2016 sulla gestione dei rifiuti in Italia. Carta, vetro e umido: le regioni di Eusalp  differenziano la percentuale più alta di rifiuti urbani.

Secondo l’Ispra negli ultimi dieci anni la raccolta differenziata in Italia è passata dal 25,8 per cento del 2006 al 52,5 per cento nel 2016, con un incremento del 5 per cento rispetto al 2015. Dati positivi, ma ancora lontani dall’obiettivo del 65 per cento fissato per il 2012, che è stato raggiunto soltanto da quattro regioni: Veneto (72,9%), Trentino Alto Adige (70,5%), Lombardia (68,1%) e Friuli Venezia Giulia (67,1%).  La Lombardia, in particolare, dal 2013 al 2016 è passata dal 53,3 per cento di rifiuti urbani differenziati al 68,1, con un incremento del 28 per cento.

La raccolta differenziata in Lombardia, dal 2013 al 2016, ha riguardato principalmente i rifiuti organici per il 37,6 per cento del totale, seguiti da Carta e cartone (17,2%), vetro (13%), plastica (7,2%) e legno (5,6%). Analizzando i dati Ispra è emerso che, rispetto al 2013, i rifiuti ingombranti destinati allo smaltimento sono calati in maniera notevole passando da 187.566 a 8.706 tonnellate, ed è aumentata la raccolta differenziata pro capite: da 246,9 chili del 2013 a 325,1 del 2016.

La provincia con i livelli più elevati di raccolta differenziata si è confermata Treviso (Veneto), con quasi l’88%, seguita da Mantova 86,4% (Lombardia) , Pordenone 82,3% (Friuli Venezia Giulia)  e Belluno 80,4% (Veneto).

In Lombardia, oltre Mantova, hanno superato di gran lunga l’obiettivo del 65 per cento e la media regionale, Cremona (77,9%), Varese (74,6%), Bergamo (72,6%), Lodi (72,5%), Monza e Brianza (71,1%), Lecco (70,4%) e Brescia (69,5%). Il 65 per cento è stato raggiunto anche dalla provincia di Como, mentre Milano si è fermata al 64,3 per cento. Le realtà che ancora fanno fatica a far decollare la raccolta differenziata sono Sondrio, che si è fermata al 54,9 per cento, e Pavia che è al di sotto della media nazionale con soltanto il 48,3 per cento dei rifiuti differenziati.

19/03/2019